Ricerca:

 
 
 
   
 

 


 

 CEA su Geoexpo

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12

1297-0
   

 
 Euro 93,00
 

 

 

IDROGEOLOGIA APPLICATA E AMBIENTALE
M. Civita
 
2005
800 pagine
19,6x27 cm
brossura

 

 Disponibilità: Ampia
 

L’Idrogeologia applicata moderna, generata dal grande ceppo delle discipline geologico-tecniche, è una disciplina policomposita, le cui basi matematiche poggiano sulle Scienze della Terra e sulle discipline idrauliche. Gli obiettivi di questa disciplina sono compresi in due diversi insiemi speculari: da un lato, lo studio delle acque sotterranee come risorsa primaria rinnovabile, la quantificazione e la definizione della qualità di essa su base territoriale e finalizzata alle diverse utenze idrorichiedenti, la sua vulnerabilità all’inquinamento e al depauperamento quantitativo, la necessità di protezione e rimpinguamento. Dall’altro, la comprensione delle diverse interazioni che si vengono a creare tra acque del sottosuolo e opere d’ingegneria e la progettazione dei relativi interventi preventivi e bonificatori.

In particolare, vengono trattati in quest’opera, per quanto attiene al primo aspetto: i problemi di studio degli acquiferi, sia in mezzi porosi che in mezzi fessurati; le tecniche di rilevamento e le misure idrogeologiche, sia in superficie che nel sottosuolo; i problemi di quantificazione delle risorse idriche e di progettazione delle opere di presa più idonee, sia in aree di pianura che in zone montane; i metodi di definizione della qualità finalizzata delle acque sotterranee; le metodologie di studio, previsione, prevenzione dell’inquinamento delle acque sotterranee.

Per quanto riguarda invece il secondo aspetto, si farà riferimento alle tecniche di approccio alle principali progettazioni che includono problemi idrogeologicoapplicativi nei campi: dell’Ingegneria civile e dei grandi scavi in sotterraneo; dell’Ingegneria dell’Ambiente e del Territorio; dell’Ingegneria per la protezione del territorio; delle Scienze ambientali; delle Scienze della Terra.

Nel corso della trattazione dei principali gruppi di argomenti, corrispondenti ad altrettanti settori specifici, vengono proposti numerosi casi-studio ed esemplificazioni dell’uso di calcoli e tecniche, in modo da permettere di trarre profitto immediato delle nozioni trattate.


INDICE

Introduzione

Capitolo 1 - Genesi delle risorse idriche
1.1 Definizioni - 1.2 Le risorse idriche: disponibilità e utilizzi - 1.3 Il ciclo globale dell’acqua - Sistemi idrologici e bilanci.

Capitolo 2 - Il complesso roccia-acqua sotterranea: l’acquifero
2.1 Definizioni - 2.2 L’acquifero - 2.3 Porosità delle acque - Richiami di analisi granulometrica - 2.4 Il volume rappresentativo elementare - L’acqua nelle rocce - 2.6 Zonalità verticale dell’acqua nell’acquifero.

Capitolo 3 - Dinamica del sistema acquifero
3.1 Definizioni - 3.2 Esperienza e legge di Darcy - 3.3 Limiti di validità della legge di Darcy - 3.4 Flusso delle acque sotterranee in mezzi non darcyani - 3.5 Permeabilità intrinseca, permeabilità assoluta, trasmissività e diffusività - 3.6 Percorsi effettivi di flusso, dispersione e velocità di spostamento - 3.7 Applicazione della legge di Darcy - 3.8 Elementi di modellazione del flusso sotterraneo.

Capitolo 4 - Identificazione dei sistemi acquiferi
4.1 Definizioni - 4.2 Identificazione idrolitologica - Idrolitologia: esempi.

Capitolo 5 - Identificazione strutturale dei sistemi acquiferi
5.1 Definizioni - 5.2 Generalità - 5.3 Strutture idrogeologicamente semplici- 5.5 Spartiacque sotterranei e limiti di struttura - 5.6 Rapporti tra corpi idrici superficiali e sotterranei.

Capitolo 6 - Rilevamenti e prospezioni idrogeologiche
6.1 Definizioni - 6.2 Raccolta dei dati preesistenti - Modelli empirici d’uso corrente per il calcolo dell’evapotraspirazione - 6.3 Rilevamento idrogeologico sul terreno - Valutazione in situ della composizione granulometrica e del grado di uniformità delle rocce sciolte - Descrizione dei complessi di rocce sciolte o no indurite con il sistema USCS - Rilevamento geostrutturale in situ: caso studio - Caso-studio: applicazione al massiccio del Monte Mongioie, Alpi Marittime - Caso-studio - Prove con traccianti: casi-studio - Un importante tracciamento complesso di un sistema acquifero darcyano - 6.4 Censimenti e acquisizione dei dati di contorno - 6.5 Installazioni e misure idrogeologiche - 6.6 Installazioni emisure idrogeologiche - 6.7 Misure e strumenti idrogeochimici.

Capitolo 7 - Geochimica e qualità delle acque sotterranee
7.1 Definizioni - 7.2 Geochimica tradizionale - 7.3 Geochimica isotopica - 7.4 Qualità di base delle acque sotterranee e normativa italiana.

Capitolo 8 - La cartografia tematica idrogeologica
8.1 Definizioni - 8.2 Generalità - 8.3 Le principali suddivisioni tipologiche della cartografia idrogeologica - 8.4 La cartografia statica - 8.5 La cartografia dinamica - 8.6 La territorializzazione dei dati puntuali - 8.7 Chiavi di lettura e informazioni al confronto.

Capitolo 9 - Tecnica di progettazione degli accessi alle acque sotterranee
9.1 Definizioni - 9.2 Tecniche costruttive - 9.3 Condizionamento - Metodo grafico per il dimensionamento del pre-filtro.

Capitolo 10 - Determinazione dei parametri idrogeologici degli acquiferi
10.1 Definizioni - 10.2 Prove di pompaggio - 10.3 Le prove di pozzo - 10.4 Le prove di acquifero () - 10.5 Prove puntuali - Esecuzione e interpretazione di slug test su un sito di bonifica del Milanese - 10.6 Metodi di valutazione statistica e stime.

Capitolo 11 - Impianti di produzione e di ricarica delle acque sotterranee
11. Definizioni - 11.2 Generalità - 11.3 Progettazione e gestione degli impianti di produzione - Ubicazione di un campo di nuova progettazione - Caso-studio - 11.4 Progettazione degli impianti di ricarica.

Capitolo 12 - Le sorgenti: studio, progettazione e protezione delle opere di captazione
12.1 Definizioni - 12.2 Sorgenti minerali termali - 12.3 Le sorgenti normali - 12.4 Studio di fattibilità delle opere di presa - 12.5 Modelli della curva di svuotamento - Esempio dell’applicazione dell’analisi dell’idrogramma di svuotamento sorgivo con il modello iperbolico - Esempio dell’applicazione dell’analisi dell’idrogramma di svuotamento sorgivo con il modello di Maillet - Applicazione al sistema della sorgente Dragonera - Caso-studio: sorgente Capodacqua di Spigno Saturnia - 12.6 Opere di presa - 12.7 Tipi di sorgenti e relative opere di presa - Caso-studio: progetto di captazione di una sorgente per soglia sovraimposta - Caso-studio: progetto di captazione di sorgenti per affioramento della piezometrica di un acquifero in presssione.

Capitolo 13 - Protezione delle risorse idriche sotterranee
13.1 Definizioni - 13.2 L’inquinamento delle acque sotterranee - 13.3 Prevenzione dell’inquinamento delle acque sotterranee - Contenuti dei principali provvedimenti di legge relativi alla salvaguardia delle captazioni - Esempio d’applicazione: captazione di una quota-parte della risorsa idrica emergente (zona Sagnassi di Centallo, Cuneo) - Esempio di tracciamento delle isocrone per la detereminazione della ZR di un pozzo di captazione - Calcolo e delineazione delle aree di salvaguardia con il codice WHPA - Esempio di calcolo dell’indice SINTACS per un elemento quadrato della maglia di discretizzazione - 13.4 Fonti puntuali e non puntuali di inquinamento - 13.5 Metodi per la determinazione del peso di impatto dei centri di pericolo - Esempio d’applicazione del Metodo LeGrand - Esempio d’applicazione del Metodo Holman.

Capitolo 14 - Applicazioni ai problemi di geoingegneria: le grandi opere in sotterraneo
14.1 Definizioni - 14.2 Inquadramento delle problematiche - 14.3 Problematiche idrogeologiche nelle diverse fasi dello sviluppo minerario - Casi-studio - Caso-studio - Casostudio - Caso-studio - Casi-studio.

Capitolo 15 - Applicazioni ai problemi di geoingegneria: le gallerie
15.1 Definizioni - 15.2 Le gallerie: generalità - 15.3 Le fasi progettuali - Caso-studio: prognosi idrogeologica progettuale sul tracciato della Gronda Merci AC Settimo Torinese-S. Desidero - Caso-studio: indagine geognostica per il traforo Val Stura-Val Tinée - Caso-studio: studio di fattibillità della galleria di Monte S. Croce - 15.4 Prognosi delle venute d’acqua in galleria - 15.5 Gli impatti ambientali delle gallerie - Casi-studio: gli impatti di grandi gallerie italiane sulle RIS - Casi-studio d’inquinamento delle acque sotterranee a causa dei materiali usati per le impermeabilizzazioni - 15.6 Controlli e riscontri in corso d’opera - Caso-studio: Tunnel F2 - Sistema idroelettrico Susa-Pont Ventoux - Captazione di una sorgente all’interno della galleria Frasnadello - Caso-studio:studio: scavo d’una galleria al di sotto di un sito di discarica industriale - 15.7 Operazioni di monitoraggio - Caso-studio: monitoraggi sulla linea alta velocità Firenze-Bologna - 15.8 Controlli idrogeologici dopo la fine dei lavori di scavo.

Capitolo 16 - Tecniche di controllo delle acque sotterranee nell’ingegneria del territorio
16.1 Definizioni - 16.2 Tecniche di controllo temporaneo e/o permanente delle acque sotterranee - 16.3 Interazione con l’ambiente delle miscele di iniezione.

Appendice A - I principali complessi idrogeologici delle regioni italiane
A.1 Considerazioni preliminari - A.2 Fonti bibliografiche - A.3 Complessi metamorfitici e magmatici - A.4 Complessi vulcanitici e piroclastici - A.5 Complessi prevalentemente terrigeni (flyshoidi, marnoso-arenacei, argillosi, arenacei) - A.6 Complessi sedimentari compositi - A.7 Complessi prevalentemente carbonatici - A.8 Complessi sedimentari recenti.

Appendice B - Metodologia per la valutazione della ricarica attiva degli acquiferi
B.1 Generalità - B.2 Valutazione della ricarica attiva media annua - B.3 Applicazione del metodo - B.4 Implementazione Gis - Bibliografia.

Appendice C - Georeferenziazione di punti sul terreno con la metodologia GPS
C.1 Attrezzatura ed uso - C.2 Conversione dei dati acquisiti sul terreno.

Appendice D
Appendice D.1: Schede - Appendice D.2: Valori di alcune funzioni note - Appendice D.3: Unità di base e unità derivate del sistema internazionale (SI) - Appendice D.4: Tossicità dei principali componenti delle miscele - Appendice D.5: Valutazione del transitorio provocato da una batteria di pozzi - Appendice D.6: DPR 24/5/1998 n. 236.

Appendice E
Appendice E.1: Glossario - Appendice E.2: Sigle ed abbreviazioni.

Appendice F - Carte di vulnerabilità degli acquiferi all’inquinamento

Bibliografia

 
 
 
 
 

 

 

Quantità

 

 

GRATIS le spese di spedizione  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12

 CEA su Geoexpo

 

 
Informazioni commerciali:  Casa Editrice Ambrosiana - tel. 02 5220221 - fax 02 52202260 - email 
Informazioni sito web:  GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 
   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3